Come trovare il miglior datore di lavoro

Appena l’ho visto, mi sono detto: “wow, questo devo condividerlo sul blog!”

Perché è un’informazione sconosciuta, che su internet (o su qualsiasi canale tradizionale) non trovi, per conoscerla devi essere “nel giro”. E no, non nel giro delle agenzie del lavoro (che disprezzo)…

Vedi, io sono in un gruppo di discussione internazionale, in cui gli imprenditori si scambiano consigli per migliorare il proprio business.

Non è un gruppo pubblico, e l’unico modo per entrarci è essere un imprenditore con un business già in piedi. Non te lo dico per tirarmela, ma per farti capire quanto dovresti prendere sul serio l’informazione che sto per darti.

Pochi minuti fa un membro ha chiesto:

“Dove avete trovato i vostri migliori dipendenti? Su internet, con annunci o altro?”

In questi primi dieci minuti, ci sono state 5 risposte. E 4 di queste, hanno detto la stessa cosa: networking, o referral (che sono la stessa cosa).

Significa che la maggior parte dei datori seri, ossia quelli che puntano alla qualità del proprio staff, assume le persone che già conosce, o che gli vengono suggerite da amici e conoscenti. Questi datori nemmeno pubblicano annunci, perché la loro rete interna è sufficiente a soddisfare le richieste di personale. Questa è una cosa che già sapevo e che è ben spiegata nel capitolo dedicato al networking su Obiettivo Lavoro (modulo 3), e questa conversazione me ne ha dato l’ennesima conferma.

Ed ecco la lezione che puoi imparare tu: se vuoi trovare un buon lavoro, sicuro e ben pagato, il modo migliore è quello di far circolare il tuo nome nell’ambiente. Se sei un ingegnere informatico, fatti conoscere fra gli altri ingegneri informatici e datori a cui servono esperti in quel settore. Fai conoscenza anche con i datori che non stanno assumendo in quel momento: prima o poi a tutti serve personale, e se ti sei posizionato come un professionista del tuo campo, verrai richiamato e otterrai un colloquio senza nemmeno aver alzato un dito per compilare il tuo curriculum.

Certo, per sfruttare questo sistema devi diventare un professionista. Nessuno vuole assumere un dipendente generico, e se resti in questa categoria, un buon lavoro te lo puoi sognare di notte. Quindi se ancora non l’hai fatto, creati una specializzazione. Studia, fai pratica, realizza dei progetti in autonomia. Nell’era di internet, specializzarsi è semplice. Per questo chi non lo fa verrà sempre più lasciato nella polvere (spiego come fare nel modulo 2 di Obiettivo Lavoro).

Una volta fatto questo, sei pronto a fare networking, conoscere altri professionisti del settore e datori interessati alle tue competenze. L’importante è non sminuire mai il tuo valore, e anzi continuare a incrementarlo: il trucco sta tutto lì.

Per avere un buon lavoro, non la solita truffa in stage, devi trovare dei datori seri e professionali. Questi datori però non cercano quasi mai dipendenti generici, bensì professionisti che sanno il fatto loro. Ed ecco un altro segreto: ai datori seri non gliene frega niente di quanta esperienza hai. Se dimostri di essere bravo a fare qualcosa, sei assunto. A prescindere dalla tua esperienza lavorativa.

È così che una mia amica è stata assunta a tempo indeterminato a 1600€ al mese dopo meno di un mese di ricerca, nel suo primissimo lavoro. 😉

Comments

  1. Christian says:

    Tanto vero!

    • Sabrina Di Monte says:

      Caro Stefano, grazie per i preziosi consigli. Io in particolare ho usato per mia figlia quello che si riferiva al CV. Tralasciando del tutto l’ European Pass che avevamo preparato, ne abbiamo preparato uno nel quale il Personal Profile è il primo elemento in evidenza, con competenze, esperienze ed obiettivi messi in grassetto. Abbiamo aggiunto una bella foto ( mia figlia cercava lavoro nell’accoglienza alberghiera dove anche l’aspetto può aiutare) e il risultato è che mia figlia ha trovato un buon lavoro a Londra in venti giorni. Ovviamente la sua competenza nelle lingua inglese è buona ( cosa che naturalmente si evinceva anche dal curriculum), parla più lingue ed ha un paio di diplomi inerenti al campo in cui lavora, ma non ha esperienza, e in Italia non avrebbe trovato nulla, dato che anche per fare l’apri porta in un albergo ti chiedono minimo due anni di esperienza. Giovani! Imparate l’inglese e VIA, laddove vi danno fiducia e premiano il vostro merito, se lo possedete. Sabrina

      • Stefano says:

        Ciao Sabrina, felice di sapere per tua figlia. Un altra prova di come sia meglio andare a lavorare fuori dall’Italia. 😉

  2. Roberto says:

    Caro Stefano,

    condivido quanto dici e rispondo con una importante citazione:

    William Raduchel
    Vice President of Corporate Planning and Development, and CIO
    Sun Microsystems
    Palo Alto, California
    bill.raduchel@corp.sun.com

    Don’t pick a job. Pick a boss.

    Your first boss is probably the biggest factor in your career success. A boss who doesn’t trust you won’t give you opportunities to grow. A boss who’s too easy on you won’t drive you to improve. When you accept your first job, you’re hiring a tutor to teach you about work. Be sure to hire wisely.

    My first boss (when I was a 16-year-old theater doorman) taught me the basics of work: be honest. She hired new doormen at 45 cents an hour. But she’d always calculate their first paycheck at 50 cents an hour. If you reported the “error,” you kept the job and stayed at 50 cents. If you didn’t, you lost the job.

    Over time, the most important skill for advancing your career is learning how to work to an agenda rather than to a schedule. A successful business person always kills more than one bird with one stone.

    Figure out what needs to happen, then find ways to make it happen. A 30-second elevator exchange can be as productive as a one-hour meeting, but only if you know in advance what you need from the encounter.

    William Raduchel’s career has included senior positions at Sun, Xerox, and McGraw-Hill.

  3. Ciao Stefano, la tua amica in che settore è stata assunta e cosa consiste il suo lavoro?

    • Stefano says:

      Ciao Giulia. Settore ingegneria elettronica, ma non conta niente. La storia è la stessa per tutti i lavori.

  4. rosaria says:

    Ciao! Per tutte le vostre necessità di prestito di denaro o finanziamento solo uno su di voi deel progetto aiuta la signora cinzia. Lei ha aiutato ad per avere un prestito di 15.000€ di anticipo sicuro e gratuito.
    e-mail: cinziamilani62@gmail.com

  5. Nomino Signora. Antonella Bondi , alla ricerca di prestito molti mesi fa io hanno subito molti freghi sul netto. Così ho visto una prova sul Signore. Giovanni, vi giuro che è diverso egli lo ha mise in fiducia e con prove a sostiene prima di farmi il prestito di 75.000€ ed anche ho rispettato le sue consegne prima di trovare il prestito egli può aiutarli come me. Ecco la sua mail: muscolinogiovanni61@gmail.com

Speak Your Mind