I 4 peggiori errori che puoi fare in un curriculum

Molti pensano che, per essere assunti, debbano compilare un curriculum straordinario e fare qualche gabola particolare. In realtà, quando hai un modello buono e lo compili bene con le cose fondamentali, il 90% del lavoro sta nell’evitare errori. Ho visto centinaia di curriculum negli ultimi anni, e nella mia esperienza, ci sono 4 errori ricorrenti che vengono fatti dalla maggior parte dei candidati. Per fortuna sono facili da correggere, ed evitarli ti darà un grosso vantaggio sulla concorrenza.

Nota: da questa lista escludo usare Europass, ossia l’errore più grande che c’è, perché gli ho già dedicato un articolo apposta. Oltre a questo, ecco i 4 errori sul curriculum che devi evitare ad ogni costo.

1 – Inserire una foto

errori curriculum

La maggior parte dei curriculum che leggo includono una foto, spesso fatta male o usando la fototessera scattata per la patente.

[Read more…]

Come sfruttare al meglio uno stage

Sei un giovane in età da stage, o pensi di farne in futuro? Questo articolo ti spiega come trasformare questa opportunità in lavoro a tempo pieno. Incredibilmente però, non ti dirò che lavorare sodo è il miglior modo per essere assunto. Anzi, a volte è proprio controproducente…

Lo stage è ormai, pare, la forma prediletta dalle aziende per assumere dipendenti giovani a basso prezzo. A volte è una decisione legittima, con stagisti ben pagati e in seguito assunti, altre è un sistema scorretto per risparmiare sui costi del personale.

Non è mio compito andare a indagare su quanto sia giusto lo stage, sta di fatto che è una realtà concreta per molti giovani. Per questo è fondamentale imparare a sfruttarlo al meglio, andando oltre quello che fa la maggior parte delle persone. Ecco i 6 passi che devi fare se vuoi trasformare lo stage in un’opportunità non solo per trovare lavoro, ma anche per fare carriera.

Qui divido i 6 passi in una sequenza logica per spiegarti meglio i concetti, ma ricorda che per buona parte dello stage dovrai farli anche tutti insieme.

1 – Identifica le persone chiave

Appena arrivato in azienda, passa i primi giorni a identificare le persone che detengono più potere nel tuo reparto. Sicuramente i tuoi superiori sono un punto di partenza, ma la gerarchia non è l’unica cosa da valutare.

Sono tre, in genere, gli aspetti che dovresti considerare per valutare l’influenza di una persona nell’azienda: [Read more…]

Esperimento sui siti di ricerca del lavoro: quali sono affidabili

Per chi è iscritto alla newsletter (ossia tutti quelli che hanno scaricato i mio modello per compilare un curriculum), una decina di giorni fa ho mandato un’email chiedendo quali portali per la ricerca del lavoro utilizzassero. Ho ricevuto oltre 150 risposte, e ammetto, ho fatto fatica a rispondere a tutti singolarmente. 😀

Fra tutte le risposte che ho ricevuto ho scelto i siti web più utilizzati, per un esperimento che serve a valutare quali siano i più seri.

L’idea mi è venuto dallo spassoso esperimento de L’espresso, riportato da Le Faremo Sapere, in cui il giornalista ha provato a inserire un annuncio “cercasi tirocinanti per sacrifici umani”. Risultato: pubblicato sul sito ufficiale della regione Sardegna. Mi sono detto: perché non ingrandire un po’ questa prova e farci un test più generale?

Sono scettico sulle possibilità di carriera.

Sono scettico sulle possibilità di carriera.

Quindi mi sono finto un datore di lavoro e ho provato a inserire un annuncio senza senso:

Cercasi uno spremitore di limoni con almeno 33 anni di esperienza. È gradita, ma non richiesta, esperienza nella spremitura di altri agrumi quali arance e mandarini. Spremere frutti tropicali, come ananas o kiwi, non si qualifica come esperienza rilevante.

Dopo uno stage di 6 mesi si può valutare l’assunzione a tempo indeterminato. Possibilità di crescita: dopo 2 anni di lavoro è possibile la promozione a pelatore di patate.

[Read more…]

Autorizzo al trattamento dei dati: come e quando metterlo

Una delle domande che mi vengono fatte più spesso via email è: devo mettere il classico “Autorizzo il trattamento dei miei dati personali ai sensi del Dlgs 196 del 30 giugno 2003“?

Autorizzo al trattamento dei dati

In effetti, nel mio modello di curriculum non c’è, e molti si chiedono il perché.

La ragione è che non è indispensabile, non quanto si crede. Visto che il mio modello è su una pagina sola, limite che ti consiglio di rispettare a meno che tu non sia un professionista di alto livello e con anni di esperienza, ogni riga è importante. Non hai spazio da sprecare per parole inutili, per questo ho scelto di cancellare l’autorizzazione al trattamento dei dati personali.

Ora, parliamo di quello che ci dice la legge.

Autorizzo al trattamento dei dati: cosa dice la legge

Su internet esiste parecchia confusione in materia, e quasi tutti dicono che sì, è obbligatorio mettere “Autorizzo il trattamento dei miei dati personali”, ma è vero? Tutti lo dicono, ma non ho trovato nessuna fonte ufficiale o autorevole che ne parli. Da questa osservazione mi viene da pensare che si tratti di una leggenda metropolitana, al pari della credenza che il formato Europeo sia il migliore e il più accettato.

[Read more…]

La guida definitiva al tuo profilo Linkedin

Cercare lavoro online è fra i modi migliori di restare disoccupato.

Il datore vuole conoscerti, vederti in faccia, fare due chiacchere con te. Internet è impersonale, mentre la ricerca del lavoro fatta bene deve essere molto personale e specifica per il datore. Questo anche per un motivo psicologico: più tempo il datore pensa a te, e più sono le possibilità che si ricordi di chiamarti per un colloquio. Con un curriculum inviato via email, il datore penserà a te per pochi secondi. Ma se lo incontri e gli parli per cinque minuti, sono cinque minuti di tempo. Noti la differenza?

L’unico strumento veramente utile per trovare lavoro online è Linkedin, o per chi non lo conosce, “il Facebook dei professionisti”. È un social network dedicato interamente al mondo del lavoro. Negli Stati Uniti è ormai indispensabile per qualsiasi buon lavoro (se non hai un bel profilo Linkedin vieni scartato subito), in Italia solo adesso sta iniziando a rendersi noto.

Ed ecco il bello: per quello che ci devi fare tu, è gratis. Esiste una versione a pagamento, ma per trovare lavoro, non ti serve.

Perché Linkedin è il miglior strumento online per trovare lavoro?

Perché ha un rapporto datori/candidati altissimo rispetto agli altri siti di ricerca del lavoro.

Mi spiego meglio.

[Read more…]

Quando sei troppo vecchio per lavorare?

Nel mercato del lavoro, un uomo di 50 anni può essere più giovane di uno di 30. Essere troppo vecchio per lavorare non sarà più un problema per te, una volta che applichi il consiglio qui sotto…

Ogni giorno mi arrivano email di persone che credono di essere troppo vecchie per lavorare. In questo articolo ti spiego cosa significa, cosa puoi farci e perché non dovrebbe essere in cima alla tua lista delle preoccupazioni.

Cosa significa essere troppo vecchio per lavorare?

troppo vecchio per lavorare

Molti pensano che ci sia un’età, un numero oltre al quale sei considerato vecchio. Questo non è del tutto vero.

Da un punto di vista legale, ossia l’età pensionabile, c’è un limite che stabilisce l’età massima oltre alla quale non puoi lavorare. Quando ti avvicini  alla pensione, nessun datore vorrà investire su di te a lungo termine. Ma questo non significa che devi perdere le speranze, perché puoi ancora trovare un ottimo lavoro.

Ma oltre al limite legale, non esiste la vecchiaia lavorativa. Esistono professionisti in tutto il mondo che a 50 anni cambiano lavoro senza problemi e guadagnano bene.

Essere troppo vecchio per lavorare significa avere competenze sotto la media delle altre persone della tua fascia d’età nel tuo settore.

[Read more…]

Perché usare Europass è un suicidio lavorativo

Se un datore vede un curriculum diverso da Europass, lo cestina immediatamente.

Troppe volte ho sentito questa frase, tanto che mi sono sentito in dovere di scrivere un articolo per metterti in guarda da uno degli errori più catastrofici che puoi fare quando compili un curriculum: usare Europass.

Purtroppo o per fortuna, è sempre più utilizzato secondo le statistiche:

europass-statistiche

Purtroppo, perché rovina le giornate dei datori in tutta Europa, per fortuna perché più gente lo usa, più possibilità hai di fare bella figura con un curriculum efficace.

A cosa serve un curriculum?

Molti giovani scrivono un curriculum perché “si fa così”, senza sapere la ragione che sta dietro a questo strumento. Ma prima di dirti perché usare Europass è un suicidio lavorativo, devi capire perché si usa un CV e a cosa serve.

Il curriculum viene scritto perché è il modo più veloce e pratico di mettere il tuo profilo sotto gli occhi del datore. È comodo sia per il candidato che per il reclutatore:

  • Per il candidato, perché può scrivere un solo documento standard e risparmiare tempo.
  • Per il datore, perché può farsi un’idea della persona in pochi secondi.

[Read more…]

Cos’è un curriculum vitae? Una risposta che non ti aspetti

Non partirò dalla classica definizione di Curriculum Vitae. Non ci interessa, sapere cos’è non ti aiuterà a trovare un lavoro.

Quello che invece ci interessa è definire il curriculum in base alla sua funzione, ossia il ruolo che riveste un curriculum nel processo di assunzione. Questo può sembrarti un concetto banale, ma ti sfido a provare: secondo te, qual è il ruolo di un CV?

Il 99% delle persone dicono: serve a farti trovare un lavoro, ovvio.

Sbagliato. Un curriculum non serve a farti trovare un lavoro, se lo scrivi con questo obiettivo non riceverai nemmeno una risposta. Invece prova con questa definizione:

Un Curriculum Vitae serve a farti ottenere un colloquio.

È nel colloquio orale che giochi le tue carte migliori, è quando sei faccia a faccia con il datore che devi convincerlo ad assumerti.

Ti faccio due esempi per chiarirti il concetto:

  1. Quando vedi una pubblicità in TV, non ti spiega mai in dettaglio cosa fa il prodotto. Ti dà in pochi secondi una serie di benefici e ti invoglia a scoprire di più.
  2. Un datore spende in media dai 30 ai 45 secondi a leggere un curriculum, spesso nel suo tempo libero. Meno scrivi, meglio è.

[Read more…]